Neuropsicologia e funzionamento cognitivo

La neuropsicologia si rivolge alle persone nel loro funzionamento cognitivo, come la memoria, la capacità di parlare e di fare i conti e alcuni ragionamenti, di prestare attenzione, di concentrarsi e di dividere l’attenzione fra più attività nello stesso momento.

Il cervello: se lo coltivi funziona. Se lo lasci andare e lo metti in pensione, si indebolisce. La sua plasticità è formidabile. Per questo bisogna continuare a pensare.

Rita Levi Montalcini

Il Funzionamento cognitivo

spazio spazio spazio

Rivolgersi a un neuropsicologo: con quale intento?

valutare cambiamenti e disturbi nel funzionamento cognitivo

orientarsi dopo una diagnosi

– pianificare l’intervento riabilitativo

– gestire comportamenti e difficoltà

Per quali problemi ?

difficoltà di apprendimento

calo delle capacità

-dopo un trauma cranico

– esiti di ischemia o ictus

– diagnosi di Alzheimer e demenze

-in seguito a terapie farmacologiche o interventi neurochirurgici

Disturbi cognitivi

Condizioni comuni di disturbo cognitivo

Le cause e le condizioni di disturbo cognitivo si presentano più spesso di quanto si pensi. Di seguito si riporta un elenco di quelle più comuni in relazione alla fascia d’età.

I disturbi dell’apprendimento

– bambini –

spazio spazio spazio spazio spazio

Il trauma cranico

-tutte le età –

spazio spazio spazio spazio spazio

Ischemia e ictus

-adulti e anziani-

spazio spazio spazio spazio spazio

Declino cognitivo lieve

-adulti maturi e anziani-

spazio spazio spazio spazio spazio

Alzheimer e demenza

-adulti maturi e anziani-

spazio spazio spazio spazio spazio

Patologie cerebrali

-tutte le età-